IL DIALOGO

CON

LE ISTITUZIONI

Il Dialogo con le Istituzioni 2018-10-26T10:46:08+00:00
In questi anni l’efficace collaborazione tra Stato, Concessionari, Associazioni di categoria ed il dialogo con le istituzioni territoriali, oltre a facilitare la risoluzione dei problemi legati al gioco illegale e alle gravi conseguenze che questo può generare in termini di criminalità, gioco d’azzardo, perdita di gettito fiscale, ha permesso anche un grande sviluppo tecnologico del settore, la crescita del PIL e dell’occupazione nel Paese. HBG Gaming da sempre incoraggia e attua questa collaborazione, che è assunzione di responsabilità nella ricerca di soluzioni efficaci ed eque che garantiscano la massima trasparenza e regolarità all’utente finale, nel rispetto di tutti gli operatori della filiera.

L’ AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI

GIOCO LEGALE E SICURO:
HBG GAMING AL FIANCO DELLE ISTITUZIONI

L’Agenzia delle Dogane e Monopoli, che si è recentemente riorganizzata, svolge la funzione di regolazione e controllo del comparto del gioco in Italia, verificando costantemente gli adempimenti cui sono tenuti i concessionari e gli operatori del settore ed esercitando una azione di contrasto al gioco illegale.

La presenza dello Stato nel settore del gioco pubblico, oltre ad assicurare un flusso di entrate all’erario, persegue principalmente lo scopo di garantire la legalità, tutelare la salute dei giocatori e contrastare la degenerazione criminale delle attività di gioco, proteggendo il settore anche dal punto di vista economico. E’ motivata dalla necessità di creare ambienti di gioco sicuri, mediante il monitoraggio e il divieto dei fenomeni illegali potenzialmente legati al gioco (sottrazione dei proventi destinati all’erario, riciclaggio di denaro, frodi, mancato o ridotto payout restituito al giocatore), e dall’esigenza di tenere sotto controllo gli impatti sociali del gioco con particolare riguardo alle categorie più vulnerabili.

Nel corso degli ultimi anni  il  contesto culturale che ruota attorno al settore dei giochi e dell’intrattenimento ha subito una significativa metamorfosi. C’è stato un passaggio di profondo cambiamento, in cui si è progrediti da un contesto senza regole, in cui la maggior parte dei guadagni venivano gestiti dalla criminalità, all’era del gioco con vincita in denaro in un quadro di legalità e di controllo  pubblico. Tuttavia, nonostante  le attività  di contrasto, il  fenomeno  del  gioco  illegale  e sommerso appare oggi ancora pericoloso e diffuso.

Il gioco illegale è quello esercitato al di fuori della legge ed in assenza di titolo concessorio, mentre il gioco sommerso viene esercitato all’interno di un ambiente legale ma con strumenti illegali o artefatti. Entrambi mettono a rischio gli interesse finanziari dello Stato e la sicurezza del cittadino, in particolare i minori. La lotta all’illegalità rappresenta una priorità per tutto il comparto; anche dal punto di vista del giocatore costituisce la prima e fondamentale forma di tutela.

Le attività del comparto sono strettamente regolamentate, e questo fa si che in Italia il Settore dei Giochi Pubblici sia del tutto trasparente e sicuro, in quanto estremamente controllato.

GIOCO RESPONSABILE E TUTELA SOCIALE:
HBG GAMING A FIANCO DELLE ISTITUZIONI

Il Gruppo HBG Gaming non si limita ad operare nel rispetto degli obblighi di legge, realizzando un controllo rigoroso sulle procedure e sui flussi sia finanziari che informativi, ma garantisce un livello di servizio al Cliente conforme ai più elevati standard qualitativi, tecnologici, di servizio e di affidabilità del settore, e favorisce la diffusione della cultura del gioco come strumento di intrattenimento e di svago, tutelando in questo modo in primis il consumatore finale.
Ne è una dimostrazione il recente ottenimento, su base volontaria, della Certificazione ISO 27001:2013, che attesta l’alto livello di sicurezza delle piattaforme e quindi dei giochi offerti alla clientela, la riservatezza dei dati e una maggiore garanzia della continuità dei servizi, attraverso la riduzione dei rischi informatici.

Tuttavia il tema della limitazione dell’impatto sociale legato al gioco ed il contrasto ai suoi aspetti patologici, che sono stati al centro del dibattito degli ultimi mesi, riguardano tutto il comparto del gioco pubblico. La regolazione del sistema di giochi pubblici ha infatti tra i suoi obiettivi primari anche quello di tutelare i giocatori, assicurando un comportamento di gioco sano, con l’obiettivo di ridurre al minimo le patologie associate, obiettivo raggiungibile solo attraverso le sinergie tra Istituzioni ed operatori del gioco.

Per questo motivo HBG Gaming ha investito in termini di ricerca, di formazione, di assistenza al giocatore problematico, nei termini e con le modalità rendicontate attraverso questo Rapporto Sociale, andando oltre gli obblighi di legge. Attraverso la collaborazione con le associazioni ha favorito lo sviluppo di studi mirati alla conoscenza approfondita delle cause e delle dimensioni del fenomeno del gioco patologico, che è la premessa indispensabile per poter compiere azioni di contrasto a tale evento e per individuare le forme ottimali di regolamentazione e organizzazione dell’offerta.

Nel 2016 HBG Gaming ha contribuito alla realizzazione del “Libro Bianco dei Giochi Pubblici: Focus su apparecchi da intrattenimento e scommesse attraverso il canale fisico” promosso dalla Associazione Concessionari Apparecchi Da Intrattenimento (ACADI). Il Libro Bianco attraverso una panoramica del contesto, offre un’analisi dell’andamento del mercato dei giochi, nonché della dinamica del gioco illegale e dei rischi ad esso legati, costituiti dal cosiddetto gioco d’azzardo patologico e dalla fruizione da parte dei minori.

Sempre nel 2016 HBG Gaming ha collaborato all’interno di ACADI all’attivazione del progetto di ricerca sul tema del Gioco Responsabile “Analisi comparata e multidisciplinare del mercato legale, illegale e delle misure di prevenzione dei fenomeni di dipendenza degli apparecchi da intrattenimento”. Il progetto proseguirà per tutto il 2017, termine dopo il quale verranno resi noti gli esiti dell’indagine.

Insieme agli associati ASCOB, su base del tutto volontaria, HBG Gaming ha promosso una ricerca su scala nazionale per comprendere e valutare se le sale Bingo possano costituire un modello di gioco pubblico con vincite in denaro capace di prevenire il rischio di ludopatie, un modello che potrebbe essere esteso oltre la specifica offerta del Bingo: “La funzionalità delle sale Bingo ai fini della promozione del gioco responsabile”.

Infine, oltre alla realizzazione di servizi di prevenzione e di assistenza gratuita attraverso la partecipazione a gruppi informativi e terapeutici per la cura del Gioco D’azzardo Patologico, in collaborazione con SIIPaC (Società Italiana di Intervento sulle Patologie Compulsive) HBG Gaming ha promosso e finanziato la ricerca “Trauma infantile, dissociazione e regolazione delle emozioni nel Gioco d’Azzardo Patologico”. L’obiettivo principale è quello di estendere i risultati di precedenti ricerche indagando l’associazione tra trauma infantile, gioco d’azzardo e dissociazione in un campione di persone affette da GAP. I partecipanti sono i pazienti che da marzo 2016 si sono recati alla SIIPaC di Roma per richiedere un trattamento psicologico per il gioco d’azzardo, a cui vengono somministrati test clinici.

La ricerca assume particolare valore nel processo di comprensione del fenomeno della ludopatia, e ha l’obiettivo di costituire una best practice per lo sviluppo di tecniche terapeutiche mirate per il trattamento di pazienti con GAP, al fine di sospendere la malattia e disattivare il comportamento patologico.