COLLABORAZIONE

LA

CON

LE ASSOCIAZIONI

La Collaborazione con le Associazioni 2017-11-20T20:04:42+00:00
HBG Gaming collabora con le Associazioni di Settore, in particolare ASCOB e ACADI, nella promozione di iniziative concordate con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli finalizzate ad attuare interventi per la promozione del gioco responsabile e dei principi di sostenibilità, controllo e trasparenza del settore e nell’attivazione di studi e ricerche che possano fornire un quadro attendibile sui fenomeni legati all’ eccesso di gioco e sull’efficacia degli strumenti di prevenzione.

L’adesione alle Associazioni di categoria si esercita nella partecipazione attiva ai tavoli di confronto ed alla elaborazione di proposte e strategie unitarie che favoriscano il gioco legale e responsabile; nell’attivazione di progetti di analisi e ricerche sulle aree tematiche individuate dall’ Agenzia delle Dogane e dei Monopoli; nella diffusione di una corretta informazione sul mercato del gioco pubblico in Italia e nel contributo allo sviluppo del settore e alla crescita dell’occupazione anche attraverso l’innovazione tecnologica.

ASCOB (Associazione Concessionari Bingo) definisce una strategia di sviluppo per il settore ed esprime le linee generali di indirizzo della politica di rappresentanza, attraverso gli organi previsti da statuto. Ha il compito di individuare gli interventi e coordinare gli strumenti di attuazione. Aderisce alla FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi).

HBG Gaming è socio fondatore di ASCOB, ed il Direttore della Business Unit Bingo & Entertainment Cosma Damiano De Rosa siede nel Collegio dei Probiviri.

Nel 2016 ASCOB e i suoi associati hanno promosso una ricerca su scala nazionale per comprendere e valutare se le sale Bingo possano costituire un modello di gioco pubblico con vincite in denaro capace di prevenire il rischio di ludopatie, un modello che potrebbe essere esteso oltre la specifica offerta del Bingo: “La funzionalità delle sale Bingo ai fini della promozione del gioco responsabile”.

La ricerca è stata condotta dall’Unità Nuove Patologie Sociali dell’Università di Firenze, coordinata da Franca Tani e Massimo Morisi dei dipartimenti di Scienze politiche e sociali e di Scienze della salute, ed i risultati del lavoro sono stati presentati il 26 giugno 2017 a Firenze.

La ricerca ha coinvolto più di 800 giocatori distribuiti in diverse realtà regionali e ha evidenziato come esista una relazione stretta tra “gioco responsabile” e “ambiente” del gioco, confermando la valenza delle sale bingo come luoghi di intrattenimento con una vocazione naturale all’accoglienza e alla tutela del cliente.

HBG Gaming dal 2013 fa parte di ACADI (Associazione Concessionari Apparecchi Da Intrattenimento), una delle principali associazioni di categoria italiane del settore del gioco.

ACADI è stata fondata nel 2006 e ad oggi vi partecipano attivamente sei concessionari operanti nel mercato italiano del gioco legale: Admiral Gaming Network  Srl, Cogetech SpA, Gamenet SpA, HBG Connex SpA, Intralot Gaming Machines SpA e NTS Network SpA.

L’Associazione ha l’obiettivo di favorire il progresso del settore, nell’interesse generale di tutte le parti interessate, e di promuovere occasioni di confronto e approfondimento tra le Istituzioni e gli operatori.

Con queste finalità ACADI formula proposte unitarie per lo sviluppo del mercato legale dei giochi che siano orientate sia alla tutela delle imprese che in esso operano, sia alla salvaguardia dei consumatori, alla difesa della legalità, alla crescita dell’occupazione e all’innovazione tecnologica. Sostiene iniziative inerenti al comparto giochi, con specifico riferimento a interventi di carattere normativo, tecnico e di comunicazione. L’associazione è inoltre attiva nella lotta al gioco d’azzardo patologico e nella promozione di un gioco sano e responsabile.

Conformemente allo spirito che ne ha favorito la costituzione, ACADI si è affermata quale interlocutore diretto dell’ente regolatore italiano (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) e delle Istituzioni. Attraverso la trasparenza e la responsabilità dei Concessionari associati, sostiene ogni iniziativa o strumento che possa assicurare la legalità e la responsabilità nei confronti sia dello Stato che del giocatore, vigilando sull’applicazione delle norme e denunciando le inosservanze.

ACADI aderisce a Confindustria Servizi Innovativi Tecnologici.

Nel 2016 ACADI ha presentato il “LIBRO BIANCO DEI GIOCHI PUBBLICI: focus su apparecchi da intrattenimento e scommesse attraverso il canale fisico”. Facendo una panoramica del contesto, il libro offre un’analisi dell’andamento del mercato dei giochi, nonché della dinamica del gioco illegale e dei rischi ad esso legati, costituiti dal cosiddetto gioco d’azzardo patologico e dalla fruizione da parte dei minori. 

Questa importante pubblicazione rappresenta la visione di ACADI per l’individuazione di soluzioni per l’evoluzione del modello di gestione dei giochi legali contemperando, da un lato gli interessi pubblici (prevenzione del rischio di accesso dei minori al gioco, tutela della salute, sicurezza sociale, ecc.) e dall’altro gli interessi degli operatori coinvolti nel processo di offerta.

Sempre nel 2016 HBG Gaming ha collaborato all’interno di ACADI all’attivazione del progetto di ricerca sul tema del Gioco Responsabile “Analisi comparata e multidisciplinare del mercato legale, illegale e delle misure di prevenzione dei fenomeni di dipendenza degli apparecchi da intrattenimento”. Il progetto, richiesto dall’ Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, proseguirà per tutto il 2017.

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA GAMING COMPANY

Nell’ambito delle iniziative dell’Associazione Concessionari Apparecchi da Intrattenimento – ACADI – nel settembre 2016  HBG Connex SpA, Codere Network SpA, Cogetech SpA, Gamenet SpA, Admiral Gaming Network  Srl(già G.Matica Srl) , Intralot Gaming Machines SpA, NTS Network SpA hanno deciso di sponsorizzare una importante iniziativa: un master di primo livello in Economia e Management della Gaming Company, che si tiene presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale a partire dal mese di Novembre 2016.

Il Master ha lo scopo di formare i professionisti del gioco legale, figure competenti in grado di rispondere in maniera tempestiva alla dinamicità che caratterizza il settore delle Concessionarie di gioco pubblico. 

I partecipanti al corso svilupperanno approfondite competenze tecniche che rientrano  nell’ambito di operatività di queste realtà aziendali su tematiche di natura contabile, economico-finanziaria, fiscale, contrattuale e di comunicazione. 

Il Master prevede  280 ore di lezione che daranno la possibilità agli studenti di raggiungere 40 crediti formativi che saranno utili per il conseguimento di una laurea specialistica.

Il profilo professionale formato nel Master può trovare sbocco nell’ area della programmazione e del controllo di gestione, del job recruitment aziendale e nell’area legale delle gaming company; come consulente esterno specializzato sulle tematiche rientranti nell’ambito formativo del Master; negli organismi di controllo del gioco pubblico.

Ogni concessionario ha inviato anche uno o più professionisti aziendali in qualità di docenti. 

I relatori HBG Gaming sono Giovanni Tiscione, Direttore Amministrazione Finanza e Controllo, Giorgio Catani, Responsabile Controllo di Gestione (Il Bilancio d’Esercizio – Criticità legate all’informativa contabile nella realtà delle concessionarie di gioco pubblico: un caso pratico) e Claudio Altobelli, Direttore Affari Legali e Societari (Profili Fiscali della Gaming Company – Legge di Stabilità).

Alla fine del Master è previsto l’inserimento di un partecipante all’interno delle Concessionarie aderenti per un periodo di tirocinio.

HBG Gaming ha già provveduto ad inserire in azienda la propria candidata che attualmente sta svolgendo  un Tirocinio nella Funzione Contenzioso e Contrattualistica nell’ambito Direzione Affari Legali e Societari.

RICOSTRUZIONE DEL PARCO GIOCHI “PADRE G. MINOZZI” DI AMATRICE

L’Associazione ACADI, attraverso i Concessionari aderenti, opera con un grande senso di responsabilità e consapevolezza che va oltre i confini del settore del gioco, e si estende a tutti gli Stakeholder e ai bisogni della Comunità. 

Dal rispetto di questi valori nasce la volontà di contribuire fattivamente alla rinascita di Amatrice, duramente colpita dal sisma del 24 agosto 2016, restituendo alla città  un parco giochi. I lavori di ricostruzione del parco verranno effettuati con criteri di massima sicurezza, inoltre verranno allestiti degli spazi che saranno destinati a contenere opere di valore estetico ed artistico.

Obiettivo principale dell’iniziativa promossa da ACADI è quello di permettere agli abitanti di riappropriarsi di uno spazio dedicato alla leggerezza ed allo svago.